Relazione attività 2013-2014


Inventari e cataloghi on line

Per agevolare la consultazione delle schede catalografiche in MANUS on line sono stati realizzati per i fondi antichi gli indici dei nomi, l’indice delle opere anonime e un soggettario sulla base di quello dattiloscritto. Sono stati inventariati i fondi speciali: Fondo Collegio Romano, Fondo Bellarmino e relativamente ai fondi moderni oltre all’inventario generale è possibile consultare la descrizione del Fondo Gianfranceschi, Fondo Ojetti, Fondo Hürth e Fondo D’Elia
 

Ricerche

Nonostante le limitazioni all’accesso dovute all’attività di catalogazione, studiosi, italiani e stranieri, hanno avuto la possibilità di effettuare ricerche ritenute di particolare interesse per l’archivio. Tra gli oltre cento fondi moderni sono stati consultati il Fondo Secchi (la corrispondenza fra Boschovich e Secchi sulle attività geodetiche, studi di astronomia e astrofisica nel XIX secolo), il Fondo Gianfranceschi (fondazione di Radio Vaticana), il Fondo Ojetti, il Fondo Lieber, i fondi di archeologia cristiana e i diversi fondi relativi alla Ricostituzione della Compagnia di Gesù nel 1814. Tra i fondi antichi sono in corso diverse ricerche sul Fondo Kircher con particolare interesse al Museo Kircheriano e alla fondazione dell’Osservatorio di Parigi (corrispondenza con Giovanni Cassini). Tra i manoscritti consultati si segnala la Vida do Padre Ioseph de Anchieta (APUG 1067) il gesuita evangelizzatore definito l’apostolo del Brasile. Oggetto di studio sono stati anche i manoscritti inediti sulla retorica utilizzati dal gesuita Antonio Pérez (1599-1649) durante il suo insegnamento al Collegio Romano. Tra i manoscritti analizzati vi sono anche quelli dei maestri Pietro Sforza Pallavicino e Francisco Toledo. Grande interesse ha suscitato il Fondo Tesi (bandi di grande formato a stampa dei sec. XVII-XVIII) soprattutto per gli aspetti iconologici e iconografici.
Altri temi di studio hanno riguardato il teatro gesuitico e le scienze mediche in alcuni autori gesuiti del XIX secolo.
Alcuni manoscritti del Fondo Concilio di Trento, in particolare il Diarium inedito di Angelo Massarelli, sono stati analizzati nell’ambito del tirocinio per il dottorato presso la Facoltà di Storia e Beni Culturali della PUG.
I manoscritti relativi all’opera La Vierge de Pellevoisin et les Possédéessono oggetto di una tesi di dottorato della Facoltà di Storia e Beni Culturali della PUG.
Continua la collaborazione con i ricercatori responsabili della nuova edizione dell’Edizione nazionale delle opere di Galileo Galilei e per la redazione delle voci dei gesuiti nel Dizionario biografico degli italiani della Treccani.

 

Progetto Clavius on the web

Grazie alla collaborazione con l’Istituto di informatica e telematica e l’Istituto di linguistica computazionale “Antonio Zampolli” entrambi afferenti al CNR di Pisa prosegue il progetto Clavius on the web che mira a valorizzare il carteggio e i manoscritti del Fondo Clavius. Grazie a tool sviluppati per l’analisi linguistica, lessicale e semantica sarà possibile navigare in maniera innovativa tra i documenti trascritti e digitalizzati resi disponibili on line nella forma di Linked Open Data.
Dall’11 al 13 giugno l’archivio ha partecipato al Workshop Clavius@work svoltosi a Pisa sulle tematiche del progetto.
  

Laboratorio di digitalizzazione

Nel laboratorio interno all’archivio sono state realizzate la riproduzione digitale dell’opera La Vierge de Pellevoisin et les Possédées (12 volumi), completata la revisione e integrazione del Carteggio Kircher  (14 volumi) e in corso di svolgimento la scansione delle foto dei Padri Gesuiti all’interno del Fondo Moderno. Prosegue inoltre il servizio di riproduzione su richiesta degli utenti.
 

 Tirocini

Nel corso dell’anno accademico 2013-2014 l’archivio ha ospitato, attraverso la convenzione stipulata con l’università Sapienza di Roma, 5 tirocinanti grazie ai quali è stato incrementato il catalogo dei Fondi antichi in MANUS on line e l’attività d’indicizzazione del materiale biografico e bibliografico del Fondo Pasquale D’Elia.
 

Intervento di conservazione straordinario

In seguito agli elevati sbalzi di umidità e temperatura registrati durante l’estate si è riscontrato durante il mese di settembre 2013 un attacco micotico sull’intero fondo antico. Si è pertanto reso necessario l’intervento d’urgenza di spolveratura e disinfezione manuale degli oltre 5000 codici antichi. Le stesse scaffalature sono state bonificate prima che fossero ricollocati i volumi. Si è reso necessario l’acquistato di un deumidificatore che ha permesso di correggere gli elevati sbalzi che si registravano nel deposito. Il monitoraggio periodico ha confermato come le condizioni ambientali rientrino in quelle previste per una conservazione ottimale.
 

Donazioni

La Fondazione Sorgente Group di Roma ha proseguito il finanziamento per il progetto di valorizzazione del Fondo Clavius. Sarà così possibile catalogare, digitalizzare e mettere on line i sette volumi autografi del matematico gesuita Christophorus Clavius.
 
Il medagliere della Gregoriana è stato depositato presso l’archivio storico. Questa collezione di oltre 1000 medaglie papali a partire da papa Martino V, venne costituita dall’archeologo gesuita P. Engelbert Kirschbaum a partire dagli anni Quaranta del Novecento.
Tale patrimonio è stato ulteriormente arricchito dalla donazione dell’Ing. Aldo Maria Tazzi di 48 medaglie in bronzo e argento mancanti nella raccolta gregoriana.
 

 

L’APUG è presente  in Twitter (@ArchivesPUG) e in Facebook (www.facebook.com/archivespug).

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...