L’impronta del censore


Fu il superiore generale Claudio Acquaviva (Atri 1543 – Roma 1615) che organizzò la macchina censoria che doveva ridurre al massimo la diversità, cioè, la complessità con il susseguente aumento della contingenza. Le regole saranno una formula di contingenza che cercheranno di contenere altre possibilità rispetto a quelle attualizzate al momento, per ridurre il rischio della sorpresa o della delusione. Continua a leggere

Joseph Joblin: il lungo pellegrinaggio della memoria


Nell’archivio è stato recentemente depositato il Fondo Joblin. Si tratta di 24 faldoni contenenti materiale accademico e interventi di vario tipo appartenenti al R.P. Joseph Joblin SJ professore emerito della Pontificia Università Gregoriana. P. Joblin dal 1956 al 1981 è stato alto funzionario presso il Bureau International du Travail (BIT), segretariato permanente della OIT (Organisation internationale du Travail). Questa lunga presenza gli permise di essere testimone di significativi cambiamenti nel mondo del lavoro e di alimentare proficue riflessioni intorno alle scienze sociali. Continua a leggere

L’opera universalista di Juan Andrés


Quest’anno 2017 si celebra il bicentenario della morte del gesuita Juan Andrés (1740-1817), ideatore della Storia Universale e Comparata della letteratura. Andrés, originario della provincia di Alicante (Planes), dopo l’espulsione della Compagnia di Gesù dai territori dell’Impero spagnolo e un breve confino in Corsica, si stabilì inizialmente a Ferrara, per poi passare a Mantova come… Continua a leggere

La documentazione del principe missionario Baldassarre Loyola Mandes in GATE


Le Gregorian Centre for Interreligious Studies, en collaboration avec les Historical Archives de la Grégorienne, a commencé à digitaliser les écrits inédits de Baldassarre Diego Loyola Mandes S.J. (1631-1667). Fils du roi de Fez (Maroc), Muley Mohammed el-Attaz était un prince musulman qui se convertit au christianisme après avoir été fait prisonnier des Chevaliers de… Continua a leggere